LA BENEDIZIONE NON EQUIVALE A RICCHEZZA

 

Il solo fatto chealcune ricchezze sono di certo il frutto dell’empietà è sufficiente per non poter leggere la ricchezza nostra e degli altri come benedizione di Dio e le povertà come sue maledizioni: «È meglio il poco del giusto che la grande prosperità dei malvagi» (Sal 37,16). Dentro il gomitolo lo possiamo capire.

(Luigino Bruni)