CHARLIE – 1 luglio 2017

La sentenza della Corte Europea per i diritti dell’uomo verrà eseguita oggi: i medici dell’ospedale di Londra dov’è ricoverato da ottobre sederanno Charlie per poi staccare la macchina che gli consente di respirare. E il piccolo di 10 mesi affetto da una rarissima anomalia dei mitocondri che l’ha reso gravemente disabile morirà soffocato. Indignazione globale per una decisione clinica e giuridica che non considera la supplica dei genitori di tentare una terapia negli Usa o comunque di lasciar morire Charlie della sua malattia. Il cardinale Bassetti, presidente Cei: ogni azione che pone fine ad una vita è una falsa concezione della libertà ( Avvenire, 30 giugno 2017).