LA GIOVENTÙ’ – 30.06.2017

Gioventù
Io, se fossi giovane, sentirei il pericolo di essere massificato. Non mi lascerei travolgere. Cercherei, prima di salvare il mondo, di salvare me stesso. Questo è molto importante. La nuova generazione rischia invece di essere una generazione senza memoria, senza storia e quindi senza futuro.
Il giovane di oggi ha degli svantaggi. Uno svantaggio è di vivere nell’abbondanza, sia pure da disoccupato. Da qui nasce l’incapacità di apprezzare le cose. Difatti c’è un consumismo che non soltanto è sulle cose, ma anche su se stessi. Il pericolo del qualunquismo è dilagante.
L’impegno di un giovane dovrebbe essere quello di diventare un uomo. Il valore che più ci manca oggi è il valore dell’umanità, perché il vero progresso è quello di crescere in umanità. Che modello di uomo ti proponi di essere? Che modello di umanità vuoi avere? Naturalmente, per me, il vero modello di uomo è Gesù Cristo, nella continua libertà della ricerca, nella continua edificazione di se stessi (David Maria Turoldo, “Cammino verso la fede”).