GUARDARE…E POI AGIRE


La visione comunitaria, strutturale nella mentalità biblica, contrasta con quella prevalentemente individualista, che contraddistingue il nostro mondo; una visione “ego-centrica”, nel senso più vero e tragico della parola, che una frequentazione assidua e profonda della Parola dovrebbe aiutare a convertire. Si tratta di capire fino a che punto siamo ancora capaci o meno di riconoscere le difficoltà del prossimo, passo preliminare e necessario per potersi interrogare su come porvi rimedio. Perché senza questa capacità previa di vedere il bisogno altrui, ogni desiderio di affrontarlo e risolverlo con le opportune risposte, per quanto ammirevole, è destinato a rimanere lettera morta!

Massimiliano Scandroglio